Programma MB EAT

Programma MB EAT

Mindfulness Based Eating  Awareness Training

 

 

Il Mindfulness-Based Eating Awareness Training

Il protocollo Mindfulness-Based Eating Awareness Training (MB-EAT,Kristeller & Hallett, 1999; Kristeller & Wolver, 2011) è un programma evidence based, che integra MBSR e CBT utilizzando i principi di mindful eating e le teorie di regolazione nell’assunzione di cibo. Il protocollo MB-EAT si struttura in 9 incontri e due di follow-up finalizzati al miglioramento del proprio comportamento alimentare e più in generale allo sviluppo di un più salutare ed equilibrato atteggiamento verso il cibo. L’MB-EAT è principalmente focalizzato ad eliminare o quantomeno a ridurre comportamenti di scarsa consapevolezza nel mangiare. Si pone l’attenzione inoltre allo stress correlato al mangiare e alle modalità disfunzionali nel comportamento alimentare (es. emotional ed external eating), molto frequenti nel BED e nell’obesità, attraverso l’applicazione di pratiche di mindfulness e di mindful eating.

Basandosi sull’utilizzo della propria saggezza interna ed esterna, il mindful eating favorisce una maggiore consapevolezza dell’aspetto sensoriale dell’esperienza del cibo. Aiuta inoltre a distinguere sia gli inneschi emotivi dai segnali interni legati alla fame e alla sazietà ed ai bisogni del proprio corpo che agli inneschi esterni (es. pubblicità di prodotti alimentari). Ciò contribuisce a fare scelte alimentari più consapevoli. E’ possibile allora il piacere del cibo, senza sfociare nell’iperalimentazione e nelle conseguenze negative ad essa legate come i sensi di colpa e lo stress.

Obiettivi del percorso Mindfulness Based Eating Awareness Training (MB-EAT)

Il percorso Mindfulness Based Eating Awareness Training, (Kristeller e Harlett, 1999) è costituito da nove incontri durante i quali attraverso pratiche di meditazione di consapevolezza e di consapevolezza sul cibo aiuta a

  • Diventare consapevoli delle infinite possibilità che abbiamo a disposizione per nutrirci, imparando a selezionare e preparare il cibo, rispettando la propria saggezza interiore
  • Utilizzare i 5 sensi per la scelta degli alimenti, che siano cosi soddisfacenti per noi, e nello stesso tempo nutrienti per il corpo
  • Riconoscere le nostre abituali risposte al cibo (mi piace – lo voglio, non mi piace – non lo voglio o neutro – non mi interessa) senza giudicare
  • Diventare consapevoli del senso di fame e di sazietà per decidere se iniziare o smettere di mangiare
  • Riconoscere che non esiste un modo giusto o sbagliato di mangiare, ma diversi gradi di consapevolezza che circondano l’esperienza con il cibo
  • Dirigere la propria attenzione momento per momento al fatto che si sta mangiando
  • Essere consapevoli che si possono fare delle scelte alimentari che supportano la salute e il benessere, disattivando il proprio “pilota automatico”
  • Distinguere tra gli aspetti psicologici dell’esperienza emotiva e gli stimoli della fame e della sazietà
  • Accettare le emozioni come parte dell’esperienza umana, con minore reattività ad esse
  • Essere consapevoli degli stati interni, incrementando il monitoraggio metacognitivo
  • Essere consapevoli dell’interconnessione tra la terra, gli esseri viventi, le pratiche culturali e l’impatto delle scelte alimentari su tali sistemi
  • Osservare i pensieri come semplici pensieri, eventi mentali

Ultimi post

Diventare Istruttore Mindfulness: un corso/percorso

Un corso/percorso… È una condizione sine qua non, è caldamente consigliato, è anche tra le linee guida di ogni scuola

Continua

A chi è rivolto il Mindfulness Professional Experiential Training

Rispetto alla Mindfulness, in particolare in Italia, c’è un fraintendimento. Si pensa comunemente, infatti, che essa sia di competenza di

Continua

Come nasce il Mindfulness Professional Experiential Training

In occasione della XIV edizione del Mindfulness Experiential – Professional Training, in partenza a novembre 2020, scopriamo insieme con una

Continua