La Mindfulness Nelle Relazioni

La Mindfulness nelle Relazioni  

02  dicembre 2017  

dalle 9,00 alle 17,00

<<Le grandi difficoltà della vita sorgono dalla nostra incapacità di comunicare (persino con noi stessi!) e la meditazione è il mezzo che ci porta alla piena comunione, che è unità d’essere. Attraverso la meditazione, siamo pienamente noi stessi, indipendentemente da chi siamo.  Ecco perché la meditazione  è scuola di comunanza: perché scoprendo la nostra personale unità, il nostro essere, le nostre potenzialità, ci rendiamo conto che l’essere, le potenzialità sono patrimonio anche di altri, e che il loro ineguagliabile valore è ciò che ci spinge al servizio…(John Main)>>

Abbiamo bisogno della relazione perché la guarigione sia possibile, la maggior parte delle nostre ferite sono infatti legate alle relazioni precoci, tutte le nostre difficoltà ed il nostro benessere sisviluppano in relazione , nella relazione ci sentiamo confidenti, amati, feriti, vulnerabili.

Il cuore di quello che proporremo è la possibilità di stare in contatto con la nostra esperienza momento per momento sostenendo, contenendo ogni tipo di esperienza si presenti alla nostra consapevolezza mentre siamo nelle relazioni.

Nel fare questo ci aiuterà coltivare quelle qualità del cuore, quei territori, quelle dimensioni dell’essere che danno accesso ad una comprensione corporea, una sorta di risonanza, che ci mette in contatto con la spaziosità, uno spazio in cui si può riposare, uno spazio che è una risorsa che ci permette di sostenere la sofferenza e di sperimentare una sensazione di accettazione incondizionata
in cui possiamo essere visti e sentiti, in cui possiamo trovare sollievo nelle situazioni difficili, in cui possiamo rilassarci per essere presenti.

Questa metodologia di lavoro si fonda sulla fiducia in una salute intrinseca, un’integrità libera dal conflitto qualunque cosa accada.

Impareremo ad orientarci verso qualcosa che è sempre presente insieme alla nostra sofferenza e ci permette di attraversarla con fiducia, di darci senza esaurirci. Sofferenza e salute co-emergono perciò c’è sempre la possibilità di connettersi alla salute quando c’è sofferenza.

Le pratiche saranno finalizzate a sperimentare come si può connettersi e sentire queste qualità nel corpo, come si può coltivare la consapevolezza in relazione per aiutarsi ad essere più presenti.

Conduce 

Paola Mamone

Responsabile degli interventi rivolti al mondo della scuola e delle professioni di aiuto. Curatrice del protocollo Mindfulness Based Teachers and Students. Co-curatrice del protocollo Mindfulness Based Helping Professions. Dottore di Ricerca in Psicologia Cognitiva e Psicoterapeuta, specializzata in Psicoterapia familiare e Psicologia Clinica, co-fondatrice della Società Italiana di Psicologia della Salute e parte del comitato editoriale dell’omonima rivista. Insegna Psicologia della Formazione nella Scuola di Specializzazione in Psicologia della Salute della Sapienza, Università di Roma e da 25 anni offre corsi di formazione sul cambiamento e lo sviluppo consapevole in ambito educativo, sociale e sanitario. Impegnata in processi di ricerca-intervento partecipata per la promozione del ben-essere psicosociale e della competenza a convivere,  in contesti istituzionali ed organizzativi. E’ istruttrice Senior MBSR.

Sede: Hotel Villa Giuochi Delfici,  piazza dei Giuochi Delfici 15 – 00135 Roma

Quota di partecipazione: euro 70 + IVA

Per Iscriverti clicca qui

Ultimi post

Il Timore della scelta

C’è una “non azione” che è l’azione più saggia che possiamo fare, ma c’è una “non azione che ha tutt’altra

Continua

Incontrare lo spiacevole accanto al piacevole

Uno degli equivoci più diffusi, in particolare agli inizi, è quello di credere che il momento in cui ci sediamo

Continua

L’importanza della costanza nella pratica di mindfulness

Qualche suggerimento quando ci capita di percepire una certa fatica nel sottrarci alla compulsione del fare quotidiano per sederci in

Continua