Mindfulness Professional Training 2011-2012

 

 

 

 

Mindfulness Professional Training

IV edizione 2011/2012
200 ore
Luglio 2011 – aprile 2012

Centro Italiano Studi Mindfuness
Istituto Lama Tzong Khapa
Pomaia (Toscana)

Mindfulness:

Il significato della parola mindfulness si riferisce ad uno stato mentale che ha a che fare con particolari qualità dell’attenzione e della consapevolezza. Questa capacità, poco allenata ma potenzialmente presente in ciascuno di noi può essere coltivata e sviluppata in maniera sistematica grazie a specifiche tecniche estrapolate da tradizioni meditative.

Numerosi studi e ricerche sulle funzionalità cerebrali (fMRI) svolti da neuroscenziati  quali R.Davidson, F.Varela e altri, hanno riconosciuto alla Mindfulness la capacità di promuovere le funzioni integrative della corteccia prefrontale, che sono implicate in processi di regolazione corporea, di sintonia interpersonale, di stabilità emotiva, di flessibilità di risposta, di conoscenza di sé.

Attraverso protocolli e training di mindfulness (anche adattati al target di riferimento) è possibile imparare a migliorare la propria capacità di regolare le emozioni; incontrare gli altri in maniera più empatica e meno giudicante; a rafforzare l’intero equilibrio psico-fisico con positive conseguenze sul sistema immunitario; a sviluppare una maggiore fiducia verso le proprie capacità.

L’autoregolazione dell’attenzione e l’apertura all’esperienza in corso, permettono inoltre di entrare in contatto con gli stati e gli eventi mentali che si sviluppano, sempre più in tempo reale, con grandi potenzialità trasformative e accresciute capacità di gestire la proliferazione mentale e gli stati emotivi disfunzionali.

Campi di applicazione

In ambito clinico: Il programma MBSR ( Mindfulness Based Stress Reduction), sviluppato dal prof. Jon Kabat-Zinn e coll. all’Università di Boston negli anni ’80 (e successivamente applicato  in centinaia di ospedali  negli States ed in  Europa), si è rivelato  utile nella gestione di patologie quali: cancro, aids, problemi cardiaci, dolori cronici oltre che nei disturbi con componente psicosomatica, come ad esempio: ipertensione, colite, asma, psoriasi, disturbi del sonno, difficoltà di memoria e concentrazione, stress.
Successivamente, è stato applicato ai disturbi psicosomatici,  psichiatrici, d’ansia (attacchi di panico, disturbi ossessivi)   alimentari e  dell’ umore.  con l’MBCT (Mindfulness Based Cognitive Therapy) ha dimostrato la sua efficacia anche nel trattamento della prevenzione delle ricadute depressive e  con la DBT (Terapia Dialettico-Comportamentale) nei pazienti borderline.

Negli ultimi dieci anni la “Mindfulness”, grazie alle sue potenzialità di applicazione, è stata inserita in progetti di intervento psicosociale, in programmi di intervento nelle carceri, nelle scuole e nelle organizzazioni al fine di affrontare molte delle problematiche legate alla gestione dello stress, alla comunicazione efficace ed alla riabilitazione comportamentale.

In campo aziendale: per trovare il giusto equilibrio tra aspirazioni e realizzazione, tra il bisogno di certezze e la necessità di accogliere le innovazioni e il rischio, tra la vita privata e quella professionale.
Le pratiche di mindfulness permettono (soprattutto a chi svolge ruoli dirigenziali) di dare fiducia attraverso un’apertura all’ascolto e al dialogo, creando condizioni adatte ad uno scambio sinergico e allo sviluppo di abilità creative, (rispetto al  condizionamento da modelli mentali  stereotipati  o a risposte automatiche), tenendo sempre presente però, grazie ad una accresciuta capacità di focalizzazione attenzionale, ogni dato che proviene dal contesto della propria realtà professionale.

In ambito scolastico: per insegnare ad avvicinarsi all’esperienza con  mente aperta e non condizionata, in grado di osservare e accogliere ciò che si presenta.
L’apprendimento mindful, comporta la coltivazione di uno stato di coscienza caratterizzato da apertura, attenzione alla distinzione, sensibilità ai vari contesti, consapevolezza della molteplicità di prospettive, e di ri-orientamento nel presente.

Diventare Istruttori Mindfulness

Diventare Istruttori nei Protocolli Mindfulness Based non significa solo acquisire competenze pratiche e teoriche, ma soprattutto iniziare un percorso che condurrà a realizzare in prima persona lo stato mentale mindful.

Raccontano che alcuni terapeuti andarono da Jon Kabat Zinn per partecipare ad un  protocollo MBSR ed applicarlo poi ai loro pazienti. Quando però tornarono nei loro contesti e cercarono di applicare gli stessi step che avevano imparato non ottennero, per i loro pazienti, i benefici che Kabat Zinn riusciva ad ottenere al CFM.

Fu chiaro che essi stavano applicando qualcosa che avevano compreso solo in via teorica e che non avevano realizzato in prima persona. Dunque il percorso proposto, e codificato alle più accreditate associazioni che si occupano di mindfulness a livello internazionale, è strutturato con il fine imprescindibile di “trasformare” in senso Mindful, la mente dei partecipanti Questo richiede motivazione, tempo, impegno, fiducia, e quello “sforzo gioioso” che sostenga e ripaghi durante il percorso.

Percorso per Istruttori Mindfulness:

1) Conseguire il Diploma Istruttore Protocolli Mindfulness attraverso la partecipazione  ad un Mindfulness Professional Training  della durata di un anno (200 ore).

2) Dopo il Diploma, se l’Istruttore desidera essere inserito  in una lista nazionale di nominativi riconosciuti e garantiti e far parte network del Centro Italiano Studi Mindfulness (con pubblicazione della propria pagina sul sito) è necessario:

  •  Partecipare ad un Protocollo MBSR (tra quelli proposti dalle associazioni riconosciute) in qualità di osservatore/partecipante.
  • Condurre  un protocollo MBSR in qualità di istruttore (anche in co-conduzione) che sarà supervisionato in 10 incontri (con modalità da concordare a seconda della distanza) da uno degli insegnanti guida del Training.

3) Mantenere una pratica meditativa quotidiana e partecipare ad almeno un ritiro di meditazione all’anno.

Il Mindfulness Professional Training

Obbiettivo del training è quello di qualificare i professionisti della salute psico-fisica, dell’educazione, della formazione e dello sport, del mondo aziendale e del management  nella teoria e nella ricerca delle potenzialità della Mindfulness e nell’ applicazione dei protocolli Mindfulness Based nel proprio specifico setting di intervento.

Il training non costituisce abilitazione alla psicoterapia e l’applicazione dei protocolli in ambito psicopatologico è riservata a psichiatri e psicoterapeuti.

A chi è rivolto:
Professionisti che operano nel campo:

  • della salute psico-fisica: medici, infermieri, psicoterapeuti, psichiatri, fisioterapisti;
  • dell’educazione, della formazione e dello sport: insegnanti, psicologi, pedagogisti, counselor, psicologi dello sport e coach sportivi;
  • del mondo aziendale e del management: responsabili risorse umane, manager, coach aziendali
  • del mondo istituzionale: mediatori familiari, educatori di comunità ecc.

Programma del training

Parte teorica:

  • Presentazione e  valutazione critica della teoria, della ricerca empirica e della letteratura riguardo l’uso della Mindfulness nei vari contesti;
  • Elementi di psicologia e  filosofia buddista, sia per il loro aspetto di confluenza e integrazione agli attuali interventi Mindfulness Based che nel più ampio contesto di “mezzo abile”  ad affrontare la sofferenza fisica e mentale;
  • Elementi e studi di neurofisiologia e mindful brain su funzioni mentali quali: concentrazione, memoria, riflessività, autoregolazione emozionale, integrazione mente-corpo, capacità di comprensione empatica nelle relazioni, efficacia interpersonale e come queste risultano positivamente influenzate dalle pratiche di coltivazione di mindfulness;
  • Integrazione corpo-mente (da un punto di vista filosofico e scientifico), elementi di psiconeuroimmunoedocrinologia, Teoria Hata Yoga: posizioni e benefici;
  • Esplorazione di ambiti educativi, aziendali e altri possibili contesti di applicazione, delineandone  modalità di interventi, limiti e possibilità.
  • Struttura teorica del protocollo MBSR. Teoria dell’inquiring;
  • Nel settimo incontro:efficacia della Mindfulness negli ambiti di psicopatologici che possono beneficiare dell’ applicazione dei protocolli MBCT, MB-EAT e DBT, le applicazioni della mindfulness in  oncologia, nelle patologie organiche gravi e nel dolore cronico.

Parte Esperienziale:

  • Durante il training gli allievi sperimenteranno le componenti meditative, esperienziali  e psico-educazionali del protocollo MBSR   approfondendone contestualmente gli aspetti teorici e applicativi;
  • Verranno proposti esercizi di role playing (con feed back all’interno del gruppo), per imparare a proporre e a condurre pratiche, condivisioni esperienziali e materiale didattico;
  • Particolare attenzione sarà posta nella coltivazione dello stato mentale dell’istruttore, attraverso pratiche individuali e interpersonali, quale strumento principe per l’efficacia della conduzione dei gruppi Mindfulness Based;
  • Lavori esperienziali di gruppo,  con costante condivisione riguardo al proprio vissuto e  sviluppo della personale pratica di meditazione di consapevolezza (Mindfulness );
  • Presentazione e pratica della meditazione di consapevolezza (con particolare riferimento all’insegnamento della psicologia buddista sulle pratiche di coltivazione della presenza mentale);
  • Si faranno esperienza di pratiche di consapevolezza in movimento attraverso posizioni yoga  che trovano un posto privilegiato all’interno del Protocolli Mindfulness Based così come concepiti da Jon Kabat Zinn e si apprenderanno semplici modalità per la conduzione di queste pratiche all’interno dei gruppi;
  • Modalità di matrice  rogersiana, promuove l’ascolto consapevole e non interferente del flusso esperienziale radicato nel presente, stimolando e sostenendo il contatto diretto dei partecipanti con la propria esperienza.
  • Dimostrazioni ed esercitazioni pratiche di ascolto intrapersonale;
  • Un impegno costante di  pratica di meditazione tra un incontro e il successivo è richiesto come parte integrante del corso;

Comitato Scientifico: Dott.ssa Silvia Bianchi, Dott.ssa Bianca Pescatori, Dott.ssa Loredana Vistarini
Tutor allievi e Segreteria organizzativa: Dott.ssa Marika Nuti: segreteriacentromindfulness@gmail.com

Attestato:Verrà rilasciato a tutti coloro che hanno svolto il training (almeno l’80% delle presenze) un “Attestato di partecipazione”.

Diploma: Sarà rilasciato un Diploma con la qualifica di Istruttore Protocolli Mindfulness Based, (previo esame finale), a coloro che avranno portato a termine il corso con impegno, frequenza e profitto.
Gli allievi saranno di diritto soci sostenitori 2011/2012 dell’associazione Centro Italiano Studi Mindfulness.

ECM:.Sono previsti 50 ECM per medici e psicologi

Sede:
Istituto Lama Tzong Khapa – via Poggiberna 15,  Pomaia (Pisa) tel. 050-685654
Istituto delle Suore Carmelitane, via Trionfale 6157, 00136 Roma – tel. 063540641

Date:
Il corso avrà la durata di 202 ore: 7 Week end 140 ore + un incontro lungo 62 ore 

29-31 luglio 2011 (ILTK – Pomaia)
venerdì ore 14 – 19,30
sabato 9 – 13; 14,30 – 20; 21-22
domenica 9 – 13

28 agosto – 4 settembre 2011 (ILTK – Pomaia)
domenica 28 ore 15 – 19,30
lunedì-sabato ore 9 – 13 / 14,30 – 19,30
domenica 4 sett. 9-13

30 settembre – 2 ottobre 2011 (ILTK – Pomaia)
venerdì ore 14 – 19,30
sabato 9 – 13; 14,30 – 20;  21-22
domenica 9 – 13

02 – 04 dicembre 2011 (Roma)
venerdì ore 14 – 20
sabato 9 – 13; 14 – 20
domenica 9 – 13

27 – 29 gennaio 2012 (ILTK – Pomaia)
venerdì ore 14 – 19,30
sabato 9 – 13; 14,30 – 20; 21-22
domenica 9 – 13

10 – 12 febbraio 2012 (ILTK – Pomaia)
venerdì ore 14 – 19,30
sabato 9 – 13; 14,30 – 20; 21-22
domenica 9 – 13

23 – 25 marzo 2012 (ILTK – Pomaia)
venerdì ore 14 – 19,30
sabato 9 – 13; 14,30 – 20;    21-22
domenica 9 – 13

20 – 22 aprile 2012 (Roma)
venerdì ore 14 – 20
sabato 9 – 13; 14 – 20
domenica 9 – 13

Costi:Il costo del corso è di 2700 euro; 500 all’atto dell’iscrizione e il resto durante il primo week end del corso.
E’ possibile su richiesta una rateizzazione della restante quota in cinque rate mensili. La prima rata va versata durante il primo week end e le altre rate a cadenza fissa mensile tramite bonifico bancario.
Chi si iscrive entro il 15 aprile 2011 usufruirà di una riduzione di 100 euro (non applicabile in caso di pagamento rateale)
La quota del corso non comprende le spese di vitto e alloggio. All’interno della struttura che ospita il Training sarà possibile usufruire di vitto e alloggio a prezzi contenuti (fino ad esaurimento posti).

Docenti guida:
Dott.ssa Silvia Bianchi: bianchi.silvia69@gmail.com,
Dott.ssa  Bianca Pescatori: bianca.pescatori@gmail.com
Dott.ssa Loredana Vistarini: loredanavistarini@gmail.com

Docenti

Gherardo Amadei:
Medico, Psichiatra, Psicoanalista della A.S.P. e I.A.R.P.P. (International Association for Relational Psychoanalysis and Psychotherapy).
Professore Associato di Psicologia Dinamica presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Milano Bicocca, dove è anche Direttore della Scuola di Specializzazione in Psicologia del Ciclo di Vita.
Principali aree di interesse: modelli di comprensione dinamica della psicopatologia; valutazione empirica degli esiti delle psicoterapie individuali mediante studi processo/esito; rilevanza della mindfulness come attitudine e come obiettivo clinico.
Collabora con gruppi di ricerca da tempo operanti presso Università italiane ed estere.
Praticante di Vipassana, si è formato alla conduzione del programma MBSR presso il Center for Mindfulness della Facoltà di Medicina dell’Università del Massachusetts.
È presidente della associazione Esperienze di Mindfulness: www.mindesp.it

Silvia Bianchi:
Psicologa-psicoterapeuta (formazione psicosintetica, SIPT). Lavora da vari anni come psicologa e psicoterapeuta per l’Associazione Nazionale Tumori (pazienti terminali, famiglie in crisi o/e processo del lutto, malati di tumore in fase di guarigione www.antitalia.org), ed ha collaborato con diversi hospice ed ospedali. Esercita anche privatamente.
Dopo la laurea: scuola di specializzazione in psicoterapia (SIPT www.scuolapsicosintesi.com), DEA per l’università francese EHESS di Parigi in studio comparato fra psicologia e buddhismo. Discepola di Ghesce Ciampa Ghiatso dal 1991, ha completato il Masters Program di sette nni all’ILTK di Pomaia (www.iltk.it/mp/en/L2_S1_2_sharedexperience.html.
Tiene corsi teorico-esperienziali come didatta- psicoterapeuta di psicologia buddhista ed occidentale presso ILTK, ANT ed ospedali.
Nel 2008 ha frequentato, a Londra, un corso di un anno per diventare supervisore di psicoterapeuti presso la scuola di psicoterapia Karuna (riconosciuta in Inghilterra).
Si è formata attraverso il Practicum a condurre protocolli MBSR presso il CFM (Center for Mindfulness) dell’Università di Boston, USA è membro del Consiglio Direttivo dell’Associazione Centro Italiano Studi Mindfulness.

Marco Ghetti:
Coach, formatore, docente alla Luiss Business School , consulente di direzione in Italia e all’estero. Partner fondatore di Mosaic consultino e direttore del Moaic Leadership Institute.
Il lavoro sulla leadership è il baricentro del suo impegno professionale. Il suo percorso è stato illuminato da alcuni veri maestri, tra i quali Marshall Goldsmith, Elserino Piol, Corrado Pensa.
Ha frequentato il training di abilitazione a condurre il programma MBSR presso il Center for Mindfulness della Università del Massachusetts. Consigliere Direttivo di Esperienze di Mindfulness.

Dario Girolami:
Laureato in Religioni e filosofie dell’India e dell’Estremo Oriente. Professore a contratto di “Buddhismo Zen” presso la John Cabot University of Rome.
E’ stato ordinato monaco Zen da Zenkei Blanche Hartmannpresso il San Francisco Zen Center – fondato da Shunryu Suzuki Roshi- ed stato capo dei monaci -shuso- sotto la guida di Eijun Linda Cutts. Zenshinji-Tassajara, Hosshinji-City Center, Soryu-ji-Green Gulch.
Questi i monasteri frequentati da Doshin per completare la formazione di monaco e insegnante. Ha inoltre studiato al seguito dei maestri Zen Thich Nhat Hanhe Maezumi Roshi, e ha ricevuto l’iniziazione ad Avalokiteshvara da Sua Santità il Dalai Lama.
Ha fondato il Centro Zen L’Arco, dove insegna meditazione Zen e Thai Chi Chuan.

Giuseppe Pagnoni:
Ricercatore presso il Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali alla Emory University.
Laureato in fisica ha completato un dottorato di ricerca in Neuroscienze nel 1998, ed si è da allora occupato delle neuroimaging utilizzando la risonanza funzionale e la tomografia a emissione di positroni.
Attualmente collabora a diversi progetti, tra cui l’interazione della funzione immunitaria con processi cognitivi e dell’umore, il ruolo dei gangli basali in codifica probabilistica di eventi e processi decisionali, ha anche un interesse speciale per l’impatto della meditazione sul trattamento dell’ attenzione così come sulle variazioni volumetriche in regioni specifiche del cervello.

Bianca Pescatori:
Psicoterapeutaad orientamento psicodinamico e cognitivista. Ha una formazione in Psicoterapia Psicoanalitica per l’Infanzia e l’Adolescenza, in Psiconcologia e in Psicoterapia Transpersonale.
Ha approfondito l’intervento per i disturbi gravi di personalità secondo il modello Cognitivista-Evoluzionista. Conduce gruppi clinici nell’ambito della Mindfulness. E’ didatta   presso l’Associazione di psiconcologia per le Unità di Cura Continuativa “Moby Dick”.
E’ socia fondatrice e collabora con l’Associazione Dare Protezione Roma nella supervisione dei volontari che si occupano dell’assistenza ai  i malati terminali.
E’ istruttore MBCT  e MBSR. Socia fondatrice e vicepresidente del Centro Italiano Studi Mindfulness. Socio A.Me.Co. (Associazione Meditazione di Consapevolezza);  socio ordinario AIM (Associazione Italiana Mindfulness).
Studia e pratica meditazione Vipassana da molti anni seguendo gli insegnamenti di Corrado Pensa. Ha partecipato a ritiri di vari insegnanti tra cui: Ajahn Chandapalo e Ajahn Sumedho, Ven. Sujiva, Ajahn Kantiko, Visuddhacara, Vivekananda, Patricia Genoud. Sta frequentando il basic program di studi buddisti presso l’ILTK di Pomaia. Segue gli insegnamenti buddisti di Ghesce Tenzin Tenphel

Antonino Raffone:
Laureato in psicologia, con perfezionamento in “Psicologia cognitiva e Reti neuronali” e dottorato in “psicologia cognitiva”, conseguiti presso la Sapienza di Roma. Ha inoltre conseguito l’European Diploma in Cognitive and Brain Sciences.
E’ professore associato presso il Dipartimento di Psicologia dell’Università “Sapienza” di Roma, con chiamata diretta a seguito di chiamata nel programma nazionale “Rientro dei Cervelli”. E’ inoltre visiting Researcher presso il RIKEN Brain Science Institute in Giappone.

Vincenzo Tallarico:
Psicologo analista, terapista del Sand Play; già membro dell’Associazione Italiana di Psicologia Analitica (A.I.P.A.) e della IAAP (International Association for Analitical Psychology), è cofondatore e presidente del Mindfulness Project, di cui è docente; insegnante di meditazione secondo la tradizione buddhista tibetana.
Nel 1978 ha incontrato il buddhismo nella persona di Lama Thubten Yesce e si e’ formato con Dora Kalff, analista junghiana allieva diretta di C.G. Jung; da allora ha dedicato la sua ricerca personale e professionale ad un lavoro di integrazione della psicologia occidentale e orientale.

Loredana Vistarini:
Psicologo clinicoe psicoterapeuta ad orientamento cognitivista/costruttivista. Didatta presso varie scuole di specializzazione in psicoterapia.
Didatta nel Professional Mindfulness Training organizzato ogni anno dal CISM Psicoterapeuta presso il Centro Medico Specialistico dell’Aeronautica Militare e presso il Centro Medico Specialistico “Caravaggio”.
Ha completato i tre livelli del Professional Training presso il CFM (Center for Mindfulness) dell’Università di Boston, USA. Abilitato istruttore MBSR ed MBCT.
Conduce gruppi clinici, training professionali e corsi aziendali nell’ambito della Mindfulness.
Insegnante yoga: diploma ISFY (Federazione Italiana Yoga).
Socio fondatore e presidente del Centro Italiano Studi Mindfulness.
Socio A.Me.Co. (Associazione Meditazione di Consapevolezza) dove studia e pratica meditazione Vipassana seguendo gli insegnamenti di Corrado Pensa.
Socio ordinario e membro del consiglio direttivo AIM (Associazione Italiana Mindfulness).

Per informazioni: potete contattarci via email all’indirizzo: segreteriacentromindfulness@gmail.com

 

Ultimi post

La consapevolezza sul mangiare

La consapevolezza sul mangiare La consapevolezza sul mangiare (Mindful Eating) può contribuire a portare equilibrio in ogni aspetto dell’esperienza del

Continua

L’equanimità dice sì

Equanimità L’equanimità  é quello stato mentale che non ha preferenze, che naturalmente accoglie  lode o biasimo, piacevole o spiacevole, con

Continua

Parliamo di stress

Che cosa è lo stress Alzi la mano chi non ha mai detto “Sono stressato, non ne posso proprio più!”. 

Continua