La mindfulness nel coaching

foto coachingI punti di connessione tra la mindfulness e il coaching sono così numerosi che coltivare la mindfulness, per un coach, diviene un percorso “naturale” e necessario come praticare l’etica del settore o qualificarsi presso un istituto certificato.

Mindfulness e coaching, hanno in comune aspetti quali la curiosità, l’osservazione non giudicante dei vari aspetti della realtà, l’apertura a nuove prospettive, l’esplorazione dei propri “inner game” e il portare consapevolezza e intenzionalità ai meccanismi attenzionali.
Diverse scuole di coaching sottolineano come sia opportuno che il coach sia in grado di essere “ego-less” (di superare i richiami del proprio ego) per dedicarsi totalmente ad un ascolto contestuale e empatico del coachee.
Coltivare la mindfulness per un coach significa acquisire questa capacità di ascolto grazie ad un ampliamento della propria consapevolezza.

Benefici per il coach

 

  • maggiore chiarezza mentale,
  • possibilità di mantenere un livello attenzionale per periodi di tempo più lunghi,
  • maggiore equilibrio emozionale,
  • minore reattività frutto di una disidentificazione con i contenuti mentali,
  • minore proliferazione mentale (rallentare la cascata di automatismi  mentali),
  • maggiore accesso alle possibili risorse interiori  ed alle proprie qualità personali,
  • gestione di situazioni complesse che richiedono lucidità e calma interiore,
  • riconoscimento e contenimento dei livelli di stress;
  • sviluppo di una propria saggezza intuitiva, pur mantenendo lucidità riguardo al contesto.

Benefici per la relazione di coaching

Inoltre, coltivare la mindfulness consente, a livello  interpersonale, di:

  • sviluppare una mente non giudicante che permette di incontrare il coachee nella realtà del momento, senza etichette o risposte automatiche,
  • sviluppare un ascolto empatico,
  • porre maggiore attenzione alle modalità di pensiero ricorrenti dell’altro,
  • permettere una più ampia e lucida  analisi della realtà esterna ed un esame più consapevole ed empatico della realtà interiore,
  • saper indirizzare più consapevolmente attenzione ed intenzione.

Articoli di approfondimento sono pubblicati nella sezione “Studi e Ricerche”
Leggi anche “I benefici della Mindfulness” e  “MBSR”

A cura della dott.ssa Morag Mc Gill: centrostudimindfulness@gmail.com

Ultimi post

La consapevolezza sul mangiare

La consapevolezza sul mangiare La consapevolezza sul mangiare (Mindful Eating) può contribuire a portare equilibrio in ogni aspetto dell’esperienza del

Continua

L’equanimità dice sì

Equanimità L’equanimità  é quello stato mentale che non ha preferenze, che naturalmente accoglie  lode o biasimo, piacevole o spiacevole, con

Continua

Parliamo di stress

Che cosa è lo stress Alzi la mano chi non ha mai detto “Sono stressato, non ne posso proprio più!”. 

Continua