Disturbi d’ansia

disturbi d'ansia
Immagine Kandinskij

Introduzione

L’ansia è un’esperienza molto diffusa e non sempre patologica. Negli umani l’ansia si traduce in una tendenza immediata all’esplorazione dell’ambiente o della situazione alla ricerca di spiegazioni, rassicurazioni o vie di fuga. L’ansia, se non si struttura in una forma patologica, può costituire una risorsa, un attivante per mantenere lo stato di allerta e migliorare le prestazioni (ad es., sotto esame).

Cosa è

Si tratta di un arousal neurovegetativo (uno stato di attivazione dell’organismo) che compare  quando il soggetto percepisce una situazione  come pericolosa.
A differenza della  paura che dipende da un fattore esterno l’ansia, invece, dipende da un fattore interno (cioè da una elaborazione del significato che si da ad un determinato evento), ed è quindi più difficile evitarla concretamente (cambiando aspetti oggettivi della realtà).

Cause

L’ansia,  può essere generata da cause diverse. Alcune legate alla struttura di personalità dei soggetti, altre innescate da malattie organiche come ad es. l’ipertiroidismo o determinate dall’uso o dall’interruzione di alcuni farmaci,  tranquillanti o sostanze quali caffè o  alcool. Quindi la durata di uno stato d’ansia può variare da una situazione acuta (quindi circoscritta), fino ad arrivare nel tempo, ad una cronicizzazione.

Epidemiologia

I dati epidemiologici ufficiali, sostengono  che  i disturbi legati d’ansia sono tra le più frequenti cause che spingono ad una consultazione medica soprattutto quando il soggetto si ritrova sfiduciato, dopo vari ripetuti fallimenti di “auto-terapia”.

Manifestazioni

Fortunatamente non tutti quelli che provano l’ansia si ammalano di un disturbo d’ansia. Questo avviene quando l’attivazione del sistema neurofisiologico dell’ansia è eccessiva, sproporzionata o temporalmente stabile e perciò, arrivare a complicare notevolmente la vita di una persona rendendola incapace di affrontare anche le più comuni situazioni.

I sintomi possono essere di natura  fisica (tachicardia, difficoltà respiratorie, sbalzi della pressione arteriosa, sudorazione, tic, tensione muscolare, stanchezza, irrequietezza), sia psichica (apprensione e preoccupazioni ingiustificate, sensazione di pericolo, difficoltà di concentrarsi e di ricordare, senso di confusione).

I disturbi d’ansia possono essere distinti sulla base dei vari sintomi:

A ATTACCO DI PANICO corrisponde ad un periodo preciso durante il quale vi è l’insorgenza improvvisa d’intensa apprensione, paura o terrore, spesso associati ad una sensazione di morte imminente. Durante questi attacchi sono presenti sintomi come dispnea, palpitazioni, dolore o fastidio al petto, sensazione di asfissia o di soffocamento, e paura di “impazzire” o di perdere il controllo.

B AGORAFOBIA è l’ansia o l’evitamento verso luoghi o situazioni dai quali sarebbe difficile (o imbarazzante) allontanarsi o nei quali potrebbe non essere disponibile aiuto in caso di un Attacco di Panico o di sintomi tipo panico.

CIL DISTURBO DI PANICO SENZA AGORAFOBIA è caratterizzato da ricorrenti Attacchi di Panico inaspettati, riguardo ai quali vi è una preoccupazione persistente. Il Disturbo di Panico con Agorafobia è caratterizzato sia da ricorrenti Attacchi di Panico inaspettati che da Agorafobia.

D AGORAFOBIA SENZA ANAMNESI DI DISTURBO DI PANICO è caratterizzata dalla presenza di Agorafobia e di sintomi tipo panico senza anamnesi di Attacchi di Panico inaspettati.

E LA FOBIA SPECIFICA è caratterizzata da un’ansia clinicamente significativa provocata dall’esposizione a un oggetto o a una situazione temuti, che spesso determina condotte di evitamento.

F LA FOBIA SOCIALE consiste in una paura marcata e persistente che riguarda le situazioni sociali o prestazionali che possono creare imbarazzo. L’esposizione alla situazione sociale o prestazionale quasi invariabilmente provoca una risposta ansiosa immediata, che spesso determina condotte di evitamento.

GIL DISTURBO POST-TRAUMATICO DA STRESS è caratterizzato dal rivivere un evento estremamente traumatico accompagnato da sintomi di aumento dell’arousal e da evitamento di stimoli associati al trauma.

HIL DISTURBO ACUTO DA STRESS è caratterizzato da sintomi simili a quelli del Disturbo Post-traumatico da Stress che si verificano immediatamente a seguito di un evento estremamente traumatico.

I IL DISTURBO D’ANSIA GENERALIZZATO si caratterizza per la presenza di ansia e preoccupazione (attesa apprensiva) eccessive, che si manifestano per la maggior parte del tempo per almeno 6 mesi, nei riguardi di una quantità di eventi o attività. L’individuo ha difficoltà a controllare la preoccupazione. L’ansia e la preoccupazione sono accompagnate da almeno tre sintomi addizionali da un elenco che include irrequietezza, facile affaticabilità, difficoltà a concentrarsi, irritabilità, tensione muscolare, e sonno disturbato (nei bambini è richiesto un solo sintomo addizionale).

J L’IPOCONDRIA (disturbo somatoforme) è caratterizzata dalla preoccupazione legata alla paura di avere, oppure alla convinzione di avere, una grave malattia, basata sull’errata interpretazione di sintomi somatici da parte del soggetto. La preoccupazione persiste nonostante la valutazione e la rassicurazione medica appropriate.

(tratto dal DSM-IV-TR, Manuale diagnostico e statistico dei disturbi mentali)

Articoli di approfondimento sono pubblicati nella sezione “Studi e Ricerche”
Leggi anche “I benefici della Mindfulness” e  “MBSR”

A cura di: Loredana Vistarini (loredanavistarini@gmail.com) e Bianca Pescatori (bianca.pescatori@gmail.com)

Ultimi post

La consapevolezza sul mangiare

La consapevolezza sul mangiare La consapevolezza sul mangiare (Mindful Eating) può contribuire a portare equilibrio in ogni aspetto dell’esperienza del

Continua

L’equanimità dice sì

Equanimità L’equanimità  é quello stato mentale che non ha preferenze, che naturalmente accoglie  lode o biasimo, piacevole o spiacevole, con

Continua

Parliamo di stress

Che cosa è lo stress Alzi la mano chi non ha mai detto “Sono stressato, non ne posso proprio più!”. 

Continua