DARE IL CUORE A CIÒ CHE CONTA – IL BUDDHA E LA MEDITAZIONE DI CONSAPEVOLEZZA

la verità

CORRADO PENSA E NEVA PAPACHRISTOU
Arnoldo Mondadori Editore, settembre 2012Ogni libro che apriamo è un mondo che ci viene incontro: di conoscenze, di saperi, di emozioni, che ci possono più o meno coinvolgere. Solo alcuni libri hanno però un pregio particolare: quello di aprirci a noi stessi, fornendoci una chiave per comprenderci meglio e aiutarci a perseguire un cammino interiore che ci porti a trovare la pace, a sintonizzarci sempre più con il bene e a cercare di raggiungere la felicità superando le cause della nostra sofferenza. Dare il cuore a ciò che conta. Il Buddha e la meditazione di consapevolezza  di Corrado Pensa e Neva Papachristou, appena uscito per i tipi della Arnoldo Mondadori, è uno di questi casi fortunati.Personalmente ho avuto il privilegio di esserne la prima lettrice, avendo curato l’editing del manoscritto, e, dopo aver seguito con partecipazione e amicizia lo sbocciare del libro – non a caso un fiore ne adorna la copertina ­ –, mi fa piacere presentarlo su questo numero speciale di “Sati” in occasione dei venticinque anni dell’A.Me.Co., che gli autori – insegnanti guida dell’Associazione – festeggiano con questo loro primo libro a quattro mani. Mi auguro che le mie brevi parole riescano a rendere la profondità del contenuto dei diciotto lunghi capitoli che compongono il volume.

Dare il cuore a ciò che contasi presenta come un saggio, ma ha una peculiarità: gli autori, ora insieme ora singolarmente, con l’abilità degli antichi maestri ci prendono per mano e, con calma e quasi con un procedere concentrico, accostando sapientemente insegnamenti e meditazioni guidate, ci introducono nel silenzio della pratica buddhista e della meditazione di consapevolezza.

Ciò che colpisce è, da un lato, la semplicità con cui riescono a esprimere concetti assai complessi e, dall’altro, la loro capacità di tradurre queste antiche parole in un linguaggio attuale e fruibile, collocando tali insegnamenti nella nostra quotidianità di individui occidentali, dominati dall’imperativo dell’avere, persi in un’angoscia esistenziale da cui solo  rivolgendo il cuore a ciò che conta è possibile uscire.Uno dei pregi principali del libro è quindi quello di trasmetterci l’attualità del messaggio del Buddha, sottolineando costantemente l’importanza di una condotta di vita consapevole, basata cioè su un rivolgersi pieno e totale a ciò che è presente, aspirando al bene, desiderando aiutare se stessi e gli altri, coltivando un rapporto saggio con le emozioni e osservando con un’“attenzione invincibile e incrollabile” qualunque cosa sorga in questo momento, qui e ora. Solo mediante tale consapevolezza sarà possibile far fiorire in noi le nostre qualità naturali, quelle che il Buddha chiama le quattro Dimore Divine: la benevolenza o gentilezza amorevole, la compassione, la gioia compartecipe e l’equanimità.

Perché è così difficile riuscire a dimorare nel momento presente senza perderci nel passato e nelle aspettative per il futuro? Il Buddha lo definisce “l’unica cosa che conta”, eppure quanti di noi vivono a caso, imprigionati dagli “inquinanti”, ovvero dall’attaccamento, dall’avversione e dall’ignoranza, spesso senza neanche accorgersene?
Tuttavia, se c’è la sofferenza, generata dall’attaccamento e dall’avversione, c’è però anche una via per estirparla: il Nobile Ottuplice Sentiero. Gran parte del cammino spirituale consiste allora nella ricerca di questa  strada giusta e nell’apprendere come dirigere il cuore aprendosi alla mutevolezza e all’imprevedibilità, distinguendo ciò che giova da ciò che nuoce mediante una pluralità di strumenti, di cui gli autori forniscono una chiara spiegazione.
In un mondo dominato dalla confusione è sempre più importante, anzi è imprescindibile, dare priorità al cammino interiore, unica nostra risorsa per scoprire la verapace, e questo libro ci regala le parole per capire come farlo.

Recensione a cura di Caterina Soresina Stoppani
tratta da Sati, rivista dell’Associazione per la Meditazione di Consapevolezza.
www.digilander.libero/Ameco/

Gli autori


Corrado Pensa 
è stato per anni docente di Filosofia orientale alla Sapienza di Roma, prima di ritirarsi dalla carriera accademica per dedicarsi esclusivamente all’insegnamento delle pratiche meditative. È il maggior esperto italiano di buddhismo, oltre che uno dei maestri più stimati a livello internazionale. Molto seguito in tutta Italia, i suoi ritiri meditativi sono sempre tutti esauriti.


Neva Papachristou 
è co-fondatrice e insegnante guida dell’A.ME.CO, studiosa di buddhismo ed esperta della diffusione del buddhismo in Occidente. Studia e pratica il Dharma dal 1984, sia con Corrado Pensa sia con insegnanti dell’Insight Meditation Society (Barre, USA) e del Cambridge Insight Meditation Center (Cambridge, USA) in Europa e in USA.

Ultimi post

Incontrare il cibo con gioia e controllo

Mindful Eating significa incontrare il cibo con piacere e serenità, come qualcosa di buono, di amico. Molte persone vorrebbero poter

Continua

La Mindfulness via webinar è efficace?

Quando ho iniziato a proporre alcuni piccoli momenti di pratica via webinar desideravo portare questa opportunità della quale usufruivano molte

Continua

Il Timore della scelta

C’è una “non azione” che è l’azione più saggia che possiamo fare, ma c’è una “non azione che ha tutt’altra

Continua