A chi è rivolto il Mindfulness Professional Experiential Training

Rispetto alla Mindfulness, in particolare in Italia, c’è un fraintendimento. Si pensa comunemente, infatti, che essa sia di competenza di chi si occupa di scienze psicologiche, ed in particolare degli psicoterapeuti. Una ulteriore tecnica da offrire ai loro clienti.

Ricordiamo quando nella nostra prima edizione del Mindfulness Professional Training 2009, l’Ordine degli Psicologi, su denuncia di qualche collega, ci fece un vero e proprio processo per insegnamento di strumenti psicologici a professioni altre.  Naturalmente, durante il colloquio con la commissione, venne riconosciuto che così non era, che la Mindfulness (per fortuna) appartiene a tutta l’umanità, e fummo assolte. Sappiamo che ogni tanto qualcuno denuncia e l’Ordine archivia.

Cosa non è la Mindfulness

La prima cosa da mettere veramente in chiaro dunque è che la “Mindfulness” non è solo un’ ulteriore competenza per professionisti, né tanto meno esclusivamente a favore degli psicoterapeuti, ma è prima di tutto una trasformazione del modo di percepirsi e dunque di essere nella vita. Trasformazione che conduce inevitabilmente a modificare o raffinare i propri valori guida, sia personali che professionali. Porta ad un cambiamento di prospettiva sulla propria realtà. Tra i quali un aumento della sensibilità e dell’empatia con cui possiamo incontrare gli altri appunto. (ne parleremo meglio in un prossimo articolo)

E’ evidente che a questo punto la mindfulness può essere utile, in realtà, a tutte le professioni. Sia come percorso personale, che come acquisizione di strumenti per interagire nella propria professione, qualsiasi essa sia. Ed è per questo che la nostra scuola, non si rivolge solamente alle professioni cliniche ed in particolare alle professioni che si occupano di terapia psicologica, ma si rivolge a tutte le professioni.

Aziende

La trasformazione dei propri valori personali, della propria visione dell’uomo e dunque del lavoro dell’uomo, soprattutto come strumento di realizzazione personale, sarà un vero punto di forza per colui che lavora  in campo aziendale. In questo campo è fondamentale non solo la capacità di comprendere la propria mente, ma anche la mente dell’altro  e non confondere l’una con l’altra. Ovvio, ma non molti se ne accorgono. Perché questa è una competenza mindfulness.

Ed è per questo che Secondo il World Economic Forum sarà tra le competenze più importanti nel mondo del lavoro del 2020. Da molto tempo infatti le più importanti aziende multinazionali, come per esempio Google (Il recente articolo, sul blog ufficiale, che parla delle classi di “Consapevolezza del corpo-mente”, è solo l’ultima di un’ampia serie di iniziative) e Target offrono una formazione che punta alla consapevolezza dei dipendenti. Ad esempio, Jack Dorsey, fondatore di Twitter e Square, organizza regolarmente incontri di meditazione.

Scuola

Un altro campo fondamentale per una vera è propria trasformazione della nostra società è la scuola. Saranno i ragazzi di oggi che determineranno i grandi cambiamenti e sarà la scuola (luogo in cui i ragazzi trascorrono la maggior parte del loro tempo di crescita sia fisica che psicologica) a doverli indirizzare verso valori di comunanza, pace, fratellanza, rispetto per il proprio e l’altrui ambiente. Introdurre corsi di mindfulness nelle scuole (come già in altri Paesi avviene) è fondamentale, osiamo dire, per il bene del nostro Pianeta. Poiché Mindfulness è Consapevolezza, Saggezza, Presenza, Esserci. Dunque il Mindfulness Professional Experiential Training sarà per tutti gli insegnanti interessati il punto di partenza per una vera e propria “pacifica rivoluzione relazionale e culturale”.

Sport

Molti dei nostri precedenti allievi, sin dalla prima edizione, sono stati coach sportivi. Anche a livello di squadre nazionali. Infatti, la mindfulness permette di raggiungere quiete interiore e calma in mezzo a contesti altamente competitivi e stressanti. Si richiede agli atleti di lasciare da parte le preoccupazioni, le paure, le incertezze e ogni pensiero o emozione che possa distoglierli dalle perfomances sportive. Prima si tendeva a raggiungerlo con sforzo, tagliando fuori e reprimendo parte della propria vita a costo di gravi ripercussioni fisiche mentali e relazionali. Adesso, grazie a percorsi di mindfulness inseriti in ambito sportivo, si aiutano gli atleti a coltivare un luogo mentale di quiete e di equanimità – l’essere stabili nel momento presente – cosa che permette di accedere ad un serbatoio di forza interiore, che morbidamente possa dirigere l’energia lì dove necessario nei modi e nei tempi più utili secondo i vari contesti in cui via via ci si trova.

Ambito clinico

Infine, i nostro Professional Training è naturalmente rivolto a tutti coloro che lavorano in ambito clinico. Il Mindfulness Based Stress Reduction (cioè il protocollo MBSR) infatti è stato sviluppato dal prof. Jon Kabat-Zinn e coll. all’Università di Worcester (Massachussetts) negli anni ’80 (e successivamente applicato in centinaia di ospedali negli States ed in Europa) e si è rivelato utile nella gestione di numerose patologie invalidanti e croniche. Non solo perché alza la soglia del dolore aumentandone la capacità di sopportarlo, ma proprio per l’aumento della compliance del paziente nell’incontrare e farsi carico della propria malattia e nell’accoglierla come parte di se di cui prendersi cura. Determinando così un vero e proprio cambiamento da soggetto passivo nelle mani altrui, a soggetto attivo e responsabile nella gestione della malattia.

Solo successivamente è stato applicato ai disturbi psicosomatici, psichiatrici, d’ansia ed è stata inserita in progetti di intervento psicosociale, in programmi di intervento nelle carceri, nelle scuole al fine di affrontare molte delle problematiche legate alla gestione dello stress, alla comunicazione efficace ed alla riabilitazione comportamentale.

Insomma, noi speriamo che questa “carrellata” che riguarda alcune dell’applicazioni della mindfulness nei vari settori della nostra società, sia stata e sia utile per comprenderne la urgente necessità e per orientare chi desidera diventare istruttore, a formarsi per portarla nelle sue aree di competenza.   Vi aspettiamo!

Bianca e Loredana

 

Il Mindfulness Experiential Professional Training si svolgerà in sette incontri:
tre intensivi in presenza e quattro week end on line.
Primo incontro: 1° incontro in presenza Giovedì 26 – Domenica 29 Novembre 2020

Scarica qui il programma formativo: LINK

Per dubbi o domande scrivi o chiama
Email: info@mondomindful.com
Tel: (+39) – 328 802 87 62 (risponde dalle 10 alle 15)

 

 

Il Centro Italiano Studi Mindfulness by Mondomindful srl

Il Centro Italiano Studi Mindfulness nasce nel 2007. Da allora propone la mindfulness ed i suoi protocolli in contesti ospedalieri, universitari, aziendali e presso la propria sede, a centinaia di persone. Ha svolto attività formativa e di ricerca anche  in collaborazione con l’Università Sapienza di Roma ed ha abilitato, finora,  attraverso il suo Professional Experiential Training circa 400 Insegnanti Mindfulness in tutta Italia.

Ultimi post

Diventare Istruttore Mindfulness: un corso/percorso

Un corso/percorso… È una condizione sine qua non, è caldamente consigliato, è anche tra le linee guida di ogni scuola

Continua

A chi è rivolto il Mindfulness Professional Experiential Training

Rispetto alla Mindfulness, in particolare in Italia, c’è un fraintendimento. Si pensa comunemente, infatti, che essa sia di competenza di

Continua

Come nasce il Mindfulness Professional Experiential Training

In occasione della XIV edizione del Mindfulness Experiential – Professional Training, in partenza a novembre 2020, scopriamo insieme con una

Continua