Scuola

Progetto di Mindfulness nella Scuola

 

INSEGNANTI FELICI STUDENTI FELICI

 

un percorso di riduzione dello stress per insegnanti e studenti

 

bimbi med

 

Cos’è la Mindfulness e a cosa serve nel processo educativo

La mindfulness è una esperienza che favorisce la nascita ed il mantenimento di stati mentali salutari, tra cui la capacità di generare calma e fiducia in se stessi, la crescita della conoscenza di sé, lo sviluppo della concentrazione e dei sentimenti altruistici.

La  mindfulness è una pratica validata scientificamente capace di contrastare irrequietezza, agitazione, ma anche depressione, solitudine, difficoltà emotive e relazionali.

La pratica di consapevolezza può contrastare l’abitudine al pensiero negativo, la tendenza a sentirsi incapaci, favorendo un orientamento mentale aperto, calmo, accogliente, positivo e migliorando l’autostima.

La cultura in cui viviamo sollecita intensamente gli impulsi narcisistici ed aggressivi a scapito dell’attivazione di funzioni di riflessione, di concentrazione, di attenzione  che sostengono una cura autentica di sé e la solidarietà per l’altro.

Occorre apprendere la competenza dell’ascolto di sé, il sapersi fermare ad ascoltare ciò che emerge dal proprio interno: pensieri, sensazioni corporee ed emozioni.

La scuola può aiutare insegnanti,  studenti e genitori a conoscersi meglio, a regolare le proprie emozioni, a osservare i propri processi mentali, a entrare in contatto con la serenità e l’equilibrio dentro di sé.

Vi sono infatti semplici pratiche che aiutano a gestire la propria vita interiore, a mettersi in ascolto del corpo, a usare in modo produttivo la propria energia psichica, ad accedere alle possibilità creative della mente, sviluppando autoconsapevolezza e autocontrollo.

Invece di enfatizzare la logica del fare, dell’agire, dell’avere, la mindfulness sollecita  il rispetto e la valorizzazione della dimensione dello sperimentare, del sentire, dell’essere.

Attraverso un atteggiamento di coerente accettazione delle difficoltà e delle tensioni e attraverso una posizione di fiducia nella mente umana, si facilita la circolazione di sentimenti di affetto e di comprensione per se stessi e per gli altri.

La nostra proposta individua nei protagonisti della scuola: bambini, preadolescenti ed adolescenti , insegnanti e genitori interlocutori fondamentali della pratica di mindfulness, che devono ovviamente essere adeguate alle specifiche caratteristiche dell’età e del contesto di riferimento.

Per gli insegnanti:

Diverse ricerche hanno evidenziato come siano in particolare alcune qualità della relazione educativa a produrre i maggiori benefici nell’apprendimento: attenzione e presenza mentale, empatia, fiducia, calore, comprensione, accettazione, gentilezza, supporto positivo e incondizionato, coerenza tra insegnante e allievo, miglioramento delle relazioni tra colleghi (Bohart, Elliott, Greenberg & Watson, 2002).

Le stesse attitudini inoltre sono state individuate anche come fattori di prevenzione del burnout, quell’insoddisfazione e irritazione quotidiana, senso di prostrazione e svuotamento, di delusione e di impotenza che insorgono in molti lavoratori che operano all’interno delle professioni di aiuto.

Il protocollo mindfulness per insegnanti coltiva attitudini mentali che facilitando una relazione efficace con colleghi, studenti e genitori, riducono lo stress quotidianamente prodotto dalla difficile arte dell’educare e promuovono processi di salute che contrastano i fenomeni di burn out.

Per gli allievi:

Così come per gli adulti, è possibile allenare anche bambini ed adolescenti a prestare un’attenzione mindful all’esperienza interna ed esterna; con una modalità aperta, curiosa, gentile e non giudicante.

Questo allenamento è in grado di influire positivamente sui processi cognitivi, sull’equilibrio emotivo e sulla socializzazione, come i più recenti studi scientifici sulle funzioni esecutive evidenziano.( Hollar, 2013)

Agendo efficacemente sull’intelligenza emotiva e sull’intelligenza sociale i percorsi mindfulness aumentano la possibilità di fare scelte salutari superando i condizionamenti che inducono a comportamenti automatici e reattivi .

Finalità
I programmi di mindfulness mirano:

a sviluppare:

  • maggiore presenza mentale,
  • attenzione vigile e consapevole sulla realtà.
  • capacità di concentrazione
  • capacità di relazionarsi efficacemente
  • competenze di base di lavoro di gruppo

    ad acquisire:

  • capacità di affrontare lo stress,
  • maggiore tranquillità interiore;

   a favorire

  • una migliore conoscenza di sé, della ricchezza del proprio mondo interiore, più autentica e meno superficiale;
  • una crescita della chiarezza interna e della fiducia in se stessi.

a valorizzare:

  • la creatività e l’originalità del pensiero.

Obiettivi

Partecipando agli incontri insegnanti, allievi e genitori possono imparare abilità come:

  • Pratiche di rilassamento;
  • Saper riconoscere e contrastare l’eccessiva e continuativa tensione fisica e mentale;
  • Pratiche di concentrazione: saper rivolgere l’attenzione ad un compito, intellettuale o pratico, affrontandolo nei suoi vari aspetti, seguendone il percorso e portandolo a termine;
  • Saper padroneggiare i propri processi di pensiero, saper modulare l’ansia, l’irrequietezza, l’aggressività;
  • Sviluppare empatia:
  • Saper ascoltare se stessi e gli altri;
  • Saper gestire le relazioni interne al gruppo docenti e al gruppo classe.

Destinatari

  • Bambini dell’ultimo anno di scuola dell’infanzia e primo ciclo della scuola primaria.
  • Alunni del secondo ciclo della scuola primaria e secondaria di primo grado.
  • Studenti scuola secondaria di secondo grado.
  • Insegnanti, educatori, genitori.

Organizzazione delle attività

Si propone la costituzione di gruppi di studenti, per 16 incontri di 30/60 minuti, in relazione alle esigenze del gruppo e all’età dei partecipanti.

Il percorso formativo prevede un incontro – 1 ora – di presentazione della proposta agli insegnanti e ai genitori delle classi coinvolte.

Il percorso per gli insegnanti prevede 4 incontri di 5 ore e 9 ore di e-learning,

Le attività saranno comunque pensate e proposte in relazione allo specifico contesto del gruppo e valutate all’interno di un progetto di ricerca-intervento.

Conduttori dei gruppi

Gli incontri verranno condotti da formatori senior del Centro Italiano Studi Mindfulness .

Costi da definire in funzione della richiesta .

Es. per gruppi di 15 insegnanti presso la vostra sede orientativamente 150 euro per insegnante a valere sulla Carta del docente, oppure per gruppi di 20 studenti con frequenza settimanale ( adesione minima 8 classi) 16 interventi di 30 minuti , 10 euro al mese per 4 mesi per ogni studente.

Per organizzare un progetto, informazioni e preventivi rivolgersi alla Commissione Scuola del Centro Italiano Studi Mindfulness by Mondo Mindful

dott. Paola Mamone: p.mamone@hotmail.it

Da ottobre 2017 sono previste facilitazioni per le scuole e per gli enti che attiveranno progetti di mindfulness per bambini, adolescenti e adulti.

Ai partecipanti verrà rilasciato un attestato di Mondo Mindful S.r.l.

 

 

Ultimi post

Il Timore della scelta

C’è una “non azione” che è l’azione più saggia che possiamo fare, ma c’è una “non azione che ha tutt’altra

Continua

Incontrare lo spiacevole accanto al piacevole

Uno degli equivoci più diffusi, in particolare agli inizi, è quello di credere che il momento in cui ci sediamo

Continua

L’importanza della costanza nella pratica di mindfulness

Qualche suggerimento quando ci capita di percepire una certa fatica nel sottrarci alla compulsione del fare quotidiano per sederci in

Continua