Relazioni

applicazioni_relazioniLe relazioni occupano una grossa fetta della vita di ognuno; tutto quello che facciamo prima o poi riguarda anche gli altri.

Spesso giudichiamo o colpevolizziamo l’altro, per poi scoprire che l’unica possibilità che abbiamo di modificare una relazione è quella di lavorare sul nostro comportamento, dato che non è possibile intervenire su quello altrui. Possiamo imparare molto, osservando l’andamento dei nostri rapporti, specie di quelli significativi: guardando le nostre modalità di interazione infatti, possiamo riconoscere desideri o bisogni insoddisfatti di cui non eravamo coscienti.

Questo non accade senza un lavoro intenzionale: la consapevolezza sviluppata attraverso un training di mindfulness ci permette di vedere; vedere ci da la possibilità di mettere in atto comportamenti nuovi che vanno a cambiare l’ingranaggio esistente. Secondo Sharon Salzberg, la vita è come un caleidoscopio sempre mutevole: innescando un leggero cambiamento, tutti i modelli preesistenti, naturalmente si modificano.

La nostra vita è fortemente caratterizzata dalla sua dimensione emotiva, la cui qualità diventa spesso determinante in una relazione. Saper riconoscere i propri ed altrui stati interiori, imparare ad ascoltarli ed a comunicarli può aiutarci a passare dalla reattività dettata da modelli precostituiti o vecchie abitudini disfunzionali, ad una risposta libera da condizionamenti interiori.

In poche parole, questo ci permette di gettare le basi per relazioni sane e nutrienti.

Ultimi post

La Mindfulness via webinar è efficace?

Quando ho iniziato a proporre alcuni piccoli momenti di pratica via webinar desideravo portare questa opportunità della quale usufruivano molte

Continua

Il Timore della scelta

C’è una “non azione” che è l’azione più saggia che possiamo fare, ma c’è una “non azione che ha tutt’altra

Continua

Incontrare lo spiacevole accanto al piacevole

Uno degli equivoci più diffusi, in particolare agli inizi, è quello di credere che il momento in cui ci sediamo

Continua