Programma MBCT

john_teasdaleMBCT – Mindfulness based cognitive therapy
Il protocollo mindfulness based cognitive therapy è stato elaborato dai prof. Zindel V.Segal, Mark G.Williams e John D. Teasdale.

Nasce con l’obiettivo di prevenire la ricaduta nelle crisi depressive e combina il protocollo MBSR con elementi della Terapia Cognitiva. Diversamente da quest’ultima però l’MBCT tende ad occuparsi più del processo del pensiero, (cioè del modo di funzionare della mente), che dei contenuti dei pensieri stessi, con l’obiettivo non tanto di trasformarli e di entrare in relazione con essi, quanto di riconoscerli per quello che sono (cioè solamente dei contenuti mentali senza caratteristica di concretezza e di realtà) e di lasciarli andare: “I pensieri non sono fatti” dunque è possibile agire senza esserne condizionati.II protocollo MBCT, sottoposto a studi di efficacia, si è dimostrato valido nella prevenzione delle ricadute nella depressione in affiancamento ai tradizionali strumenti della farmacologia e della psicoterapia.

In particolare gli studi hanno dimostrato:

  • Una significativa riduzione dei sintomi fisici e psicologici a lungo termine;
  • Profondi e positivi cambiamenti dell’atteggiamento, del comportamento e della percezione di se stessi, degli altri e del mondo.

Gli interventi sono mirati:

  • ad aumentare la consapevolezza per ridurre l’ “automaticità” dell’usuale funzionamento mentale; a favorire una “disidentificazione” dai pensieri e dalle emozioni ed una maggiore “accettazione/apertura” all’esperienza diretta;
  • a ridurre la ripetitività automatica della ruminazione depressiva e della preoccupazione ansiosa favorendo un distacco da queste modalità di funzionamento mentale che creano sofferenza;
  • a gestire la riattivazione dei pensieri automatici depressivi con una evidente riduzione della gravità dei sintomi depressivi-ansiosi, ed una riduzione dell’influenza negativa dei sintomi sulla qualità di vita.

I partecipanti che hanno completato il corso parlano di un generale miglioramento sul piano psico/fisico e di una rinnovata lucidità mentale, vantaggi che risultano perdurare nel tempo

Ultimi post

Il Timore della scelta

C’è una “non azione” che è l’azione più saggia che possiamo fare, ma c’è una “non azione che ha tutt’altra

Continua

Incontrare lo spiacevole accanto al piacevole

Uno degli equivoci più diffusi, in particolare agli inizi, è quello di credere che il momento in cui ci sediamo

Continua

L’importanza della costanza nella pratica di mindfulness

Qualche suggerimento quando ci capita di percepire una certa fatica nel sottrarci alla compulsione del fare quotidiano per sederci in

Continua