I benefici della Mindfulness

benefici_mindfulnessI programmi mindfulness based (cioè orientati ad aumentare la consapevolezza) hanno come principale obiettivo il benessere globale della persona.

Ora la parola benessere  (in questo decennio sicuramente molto inflazionata) ha una tale quantità di accezioni che , per amore di chiarezza, è necessaria  una semplificazione.

I percorsi proposti vanno primariamente nella direzione

  • della gestione (e quando è possibile) riduzione della sofferenza/ malessere/disagio, sia che riguardi un ambito  psicopatologico, sia che si sviluppi su un piano esistenziale, fisico, emozionale o relazionale dell’individuo
  • della possibilità di generare, nel tempo, nuove prospettive di osservazione e comprensione della propria realtà e, di conseguenza, anche la possibilità di sperimentare diverse e più gradevoli tonalità emotive

In questa sezione, riguardo ai benefici che offrono questi training, si è pensato di separare gli ambiti dei loro effetti in:

Siamo consapevoli che questa scelta possa farci rischiare una schematizzazione fuorviante, ma questa semplificazione permette, a nostro avviso, al lettore, di orientarsi meglio nella sua ricerca.

E’ ovvio e naturale che un raggiunto miglioramento sul piano fisico, si traduce automaticamente in una sua estensione sul piano mentale o relazionale; così come una ritrovata sintonia in una relazione per noi significativa, alleggerisce e suscita nuove emozioni positive. Quindi, possiamo comprendere come questa settorializzazione sia solo apparente, che gli ambiti siano, in realtà, sempre strettamente interconnessi e che i risultati, anche se cercati per uno specifico problema o disagio, abbiano in genere l’effetto di allargarsi a cerchi concentrici nei vari settori della nostra vita.

Al fine di dare una veste unitaria alla presentazione, i benefici elencati nelle sottosezioni sono semplicemente nominati, anche se dietro ognuno di essi esiste una vasta letteratura, sia in termini di ricerca e studi effettuati a riguardo (vedi sezione studi e ricerche)  sia di testimonianze dirette di partecipanti (alcune riportate nella sezione: cosa dicono di noi) ai protocolli mindfulness.

 

 

A cura di: Loredana Vistarini (loredanavistarini@gmail.com) e Bianca Pescatori (bianca.pescatori@gmail.com)

Ultimi post

Il Timore della scelta

C’è una “non azione” che è l’azione più saggia che possiamo fare, ma c’è una “non azione che ha tutt’altra

Continua

Incontrare lo spiacevole accanto al piacevole

Uno degli equivoci più diffusi, in particolare agli inizi, è quello di credere che il momento in cui ci sediamo

Continua

L’importanza della costanza nella pratica di mindfulness

Qualche suggerimento quando ci capita di percepire una certa fatica nel sottrarci alla compulsione del fare quotidiano per sederci in

Continua