La Mindfulness nella prevenzione e nella cura della dipendenza

Corso di Alta Formazione

La Mindfulness nella prevenzione

e nella cura della dipendenza

Roma, ottobre – novembre 2017

 

Il Corso (50 ore) intende formare gli allievi agli interventi Mindfulness applicati alle dipendenze da sostanza e da comportamento.

Verrà inoltre approfondito l’approccio della mindfulness nel trattamento delle dipendenze con particolare riferimento  al protocollo di prevenzione della ricaduta attraverso la mindfulness (Mindfulness based relapse prevention, MBRP).

Alla fine del Corso gli allievi saranno in grado di proporre il protocollo Mindfulness Based Relapse Prevention nei propri contesti d’intervento così come sviluppato nel Centro di Ricerca Addictive Behaviour dell’Università di Washington. 

 

Il protocollo MBRP


Il protocollo Mindfulness based relapse prevention (MBRP) è finalizzato alla prevenzione della ricaduta nelle problematiche di dipendenza patologica.

La Mindfulness insegna a coltivare un atteggiamento di apertura, curiosità, accettazione e non giudizio verso se stessi e la propria condizione, aiutando a gestire meglio le situazioni difficili.

Il protocollo MBRP integra in un unico percorso alcune parti della terapia per la prevenzione della ricaduta di A. Marlatt,  dei protocolli di riduzione dello stress attraverso la consapevolezza (Mindfulness based stress reductio, MBSR) di. J. Kabatt-Zinn e della terapia cognitiva basata sulla mindfulness (Mindfulness based cognitive therapy, MBCT) di Z. Segal e colleghi.

Il programma MBRP – strutturato in otto incontri di gruppo e specifico per le dipendenze patologiche, sia  da sostanze che comportamentali – integra pratiche di mindfulness con strategie cognitivo comportamentali per supportare il processo di recupero dalla dipendenza.  Questa integrazione fornisce un efficace supporto alla persona e favorisce il cambiamento verso un più sano stile di vita, attraverso l’apprendimento di nuove competenze e lo sviluppo di un atteggiamento di maggiore compassione ed accettazione.

Le competenze fornite dal programma MBRP aiutano i partecipanti a imparare a riconoscere e stare nelle situazioni di disagio (fisico, cognitivo ed emotivo) invece che reagire in modo automatico.

Le pratiche di mindfulness infatti unite alle tecniche di prevenzione della ricaduta permettono di coltivare una maggiore consapevolezza nel riconoscere gli istigatori interni ed esterni che possono scatenare uno stato di ‘craving’, e prendere consapevolezza delle emozioni, pensieri e sensazioni corporee ad essi associate. L’essere consapevoli aiuta anche a distanziarsi da quei meccanismi automatici di impulsività-compulsività e recuperare il controllo del comportamento e della propria vita. Inoltre l’ancoraggio al momento presente, permette di fare scelte consapevoli che promuovono l’adozione di uno stile di vita salutare, fondamentale per il recupero dalla dipendenza.

Il programma MBRP ed i suoi principi base di trattamento richiedono una comprensione delle pratiche mindfulness basata sull’esperienza. Per questo chi conduce gruppi MBRP deve praticare la mindfulness e conoscerne i principi fondamentali.

Struttura del corso (46 ore):  

2 webinars da 3 ore ciscuno in cui vengono presentati i principali aspetti teorici, neuroscientifici  e clinici relativi alle dipendenze da sostanze e comportamentali.

Un intensivo residenziale di 4 giorni (38 ore) : nel quale si approfondisce il protocollo MBRP sia a livello esperienziale che didattico attraverso le varie pratiche, componenti e tematiche di ognuna delle 8 sessioni

2 incontri individuali (anche on line) di supervisione di un’ora ciascuno post-corso

Obiettivi principali del corso:

Attraverso i webinars:

  • fornire un background teorico-clinico sulle dipendenze patologiche da sostanze e comportamentali e sui diversi ambiti e livelli di trattamento.

Nell’intensivo:

  • Fornire un background teorico su mindfulness e dipendenze attraverso una revisione della letteratura scientifica con particolare riferimento agli studi sull’efficacia del protocollo MBRP.
  • fornire la possibilità percorrere esperienzialmente gli otto incontri del protocollo MBRP
  • illustrare gli aspetti teorici, clinici e scientifici di ogni sessione
  • approfondirne le tematiche e le pratiche e sviluppare la capacità degli allievi di proporre l’MBRP ad una futura utenza. Largo spazio verrà dato all’apprendimento della conduzione delle pratiche di mindfulness, degli esercizi che fanno parte del protocollo. Per questo verranno proposti role-playing, simulate, condivisioni e confronti tra i partecipanti.

 

Nelle supervisioni:

  • fornire un supporto personalizzato relativamente alla conduzione dei gruppi MBRP nei vari setting clinici e con le diverse tipologie di dipendenze

A chi è rivolto il corso:

Il corso è rivolto a tutte le professioni sanitarie: medici, psicologi, infermieri, educatori

Prerequisiti di ammissione:

Aver conseguito una certificazione come istruttore Mindfulness in Italia o all’estero

 

Docenti:

Dott.ssa Cecilia Clementi:

Direttore del Corso. Psicologa, psicoterapeuta (CBT; EMDR; ACT; DBT). Specialista in Psicologia della Salute e Clinica, Esperta dei disturbi del comportamento alimentare ed obesità, trauma e dipendenze. Ha svolto un dottorato di ricerca in Scienze Psicologiche presso l’Università di Bologna. E’ Istruttore senior dei protocolli Mindfulness based e socio membro  del Centro Italiano Studi Mindfulness e membro del direttivo del Centro di Mindful Eating (TCME). Si occupa di Mindfulness a livello clinico e di ricerca e conduce da anni gruppi MBSR, MBCT, MBRP e MB-EAT. Lavora come psicoterapeuta ed Istruttore protocolli Mindfulness based  sia privatamente che nel programma  internazionale del Centro S. Nicola,  struttura  riabilitativo residenziale per le Dipendenze.  

Dott.ssa Bianca Pescatori

Psicoterapeuta libero professionista ad orientamento psicodinamico e cognitivista. Conduce gruppi clinici nell’ambito della Mindfulness. Ha una formazione in Sessuologia clinica, in Psicoterapia Psicoanalitica per l’Infanzia e l’Adolescenza, in Psiconcologia e in Psicoterapia Transpersonale. Ha approfondito l’intervento per i disturbi gravi di personalità secondo il modello Cognitivista-Evoluzionista e la Terapia Dialettico – Comportamentale per i pazienti Borderline presso l’Associazione di Psicologia Cognitiva. Formazione primo livello in Terapia Focalizzata sulla Compassione con il Prof. Gilbert  e in Mindfulness Self Compassion con UCSD. Si è formata come trainer MBCT “Mindfulness Based Cognitive Therapy” con l’Istituto di Scienze Cognitive ed il Centro Italiano Studi Mindfulness. Socia fondatrice nel 2006 e Vice Presidente del Centro Italiano Studi Mindfulness. Ha fondato la Società Mondo Mindful srl di cui è rappresentante legale. Insegnante guida dal 2009 nel Mindfulness Experiential Training (annuale) per formare Istruttori Mindfulness e MBSR. Docente nel Master di II livello in “Mindfulness: clinica, pratica e neuroscienze” organizzato dall’Università di Roma La Sapienza dipartimento di psicologia e medicina in collaborazione con il Centro Italiano Studi Mindfulness. Socio A.Me.Co. (Associazione di meditazione di consapevolezza)

Dr. Andrea Bramucci

Andrea Bramucci vive e lavora a Pesaro.

Psicologo-psicoterapeuta opera in ambito clinico per adulti, adolescenti, coppie e gruppi integrando l’approccio della Gestalt-Therapy con l’Ipnosi Ericksoniana e l’EMDR. E’ specializzato anche in Psicodiagnostica e Psicologia forense. Da anni si occupa di supervisione e formazione per equipe terapeutiche o socio-educative per Enti pubblici e privati. Didatta e formatore dal 1996 per il Training quadriennale della Scuola di formazione “Società Italiana Gestalt” della Fondazione Italiana Gestalt di Roma. Presidente e socio fondatore del Centro di formazione psico-eco-relazionale di Urbino.?Dal 1987 opera nell’ambito delle dipendenze patologiche, è attualmente coordinatore del “Centro Post-cura San Nicola” di Piticchio di Arcevia.Ha pubblicato sulle riviste scientifiche: “Studi Urbinati” e “Psicologia Europea”. Nel 2009 ha pubblicato “R come Rabbia” e nel 2011 “G come Gelosia”.

 

Dott.ssa Stefania Zangaro

Medico Chirurgo, Psichiatra, Psicoterapeuta, opera dal 2014 presso il “Centro Specialistico Ambulatoriale per Tossicodipendenti Immigrati”  della UOC dipendenze ASL RM1. Svolge attività clinica presso il proprio studio privato con focus sui disturbi dello spettro ansioso-depressivo e dei disturbi di personalità. Ha lavorato in precedenza come Medico Responsabile presso l’Istituto di riabilitazione per pazienti ex art. 26 “ San Giovanni di Dio” Fatebenefratelli e come Medico Assistente presso la casa di cura “Villa Armonia Nuova” specializzata in doppia diagnosi. Ha prestato, inoltre, servizio presso il Servizio Psichiatrico Diagnosi e Cura degli “Istituti Ospitalieri di Cremona” e ricoperto ruoli di responsabilità e di direzione sanitaria per due comunità terapeutico riabilitative. Ha al suo attivo diverse pubblicazioni scientifiche, di carattere sia nazionale che internazionale, nel proprio ambito di pertinenza.

Date dei webinar:

 Ottobre: martedì 17, 24   dalle ore 17 alle ore 20

Data dell’intensivo residenziale:

 Novembre: da giovedi 2 a domenica 5

Orario

Da giovedì a sabato: dalle ore 9 alle ore13 e dalle ore  15 alle ore 19. Dopo cena i lavori riprenderanno alle 20,30 fino alle 22,30. Domenica dalle ore 9 alle ore 13 e dalle ore  15 alle ore 18.

Le date e gli orari delle delle 2 ore di supervisione individuale saranno concordate direttamente con il supervisore

Saranno richiesti gli ECM per le professioni sanitarie

 

Quota di partecipazione:

1000 euro + IVA euro per iscrizioni entro il mese di luglio

1200 euro + IVA per iscrizioni oltre tale data

Dove

L’intensivo residenziale si terrà a Roma
Hotel Villa Dei Giochi Delfici, Piazza dei Giochi delfici 15, 00135 

nella quota di partecipazione non sono comprese le spese di soggiorno

per iscriverti clicca qui

Corso Mindfulness e dipendenze. docx

Per informazioni 
Segreteria CISM by Mondomindful srl
Dott.ssa Claudia Rossi
Email: segreteriacentromindfulness@gmail.com
Tel.: 3288028762  (risponde dalle 15 alle 18)

Ultimi post

Il Timore della scelta

C’è una “non azione” che è l’azione più saggia che possiamo fare, ma c’è una “non azione che ha tutt’altra

Continua

Incontrare lo spiacevole accanto al piacevole

Uno degli equivoci più diffusi, in particolare agli inizi, è quello di credere che il momento in cui ci sediamo

Continua

L’importanza della costanza nella pratica di mindfulness

Qualche suggerimento quando ci capita di percepire una certa fatica nel sottrarci alla compulsione del fare quotidiano per sederci in

Continua